IurisPrudentia

News di Giurisprudenza

È nulla la Procura alle liti rilasciata all’estero se priva della traduzione in italiano dell’attività certificatoria del Notaio straniero

  • 12/11/2019
  • AvvCavallo
  • Commenti disabilitati su È nulla la Procura alle liti rilasciata all’estero se priva della traduzione in italiano dell’attività certificatoria del Notaio straniero

Corte di Cassazione – Sez. III Civile – Ordinanza n. 28217 del 4 novembre 2019

 

Per potersi usare la procura redatta all’estero da Notaio straniero o autorità equipollente, in un giudizio che si tiene in Italia, questa deve essere redatta e autenticata secondo i crismi della legge italiana: il notaio straniero redigerà una procura in lingua straniera, ma secondo i dettami della legge italiana (luogo e rito d’uso) ed autenticherà la firma dell’assistito secondo i dettami del rito italiano, e questa dovrà poi essere tradotta in lingua italiana.

Ove infatti la procura sia rilasciata all’estero, dovendo corrispondere per forma ed efficacia ai requisiti della lex fori italiana (art. 27 Disp. Prel. C.C. e art. 12 L. 218/1995), l’autenticazione dovrà essere corrispondente, anche se effettuata all’estero a quella prevista ex art. 2703 comma 2° C.C.

L’ordinanza in parola riprende un pacifico orientamento della Suprema Corte per cui comunque la procura alle liti “è nulla agli effetti dell’art 12 della legge 31 maggio 1995, n. 218, ove non sia allegata la TRADUZIONE dell’attività certificativa svolta dal notaio, e cioè l’attestazione che la firma sia stata apposta in sua presenza da persona di cui egli abbia preventivamente accertato l’identità del sottoscrittore, vigendo pure per gli atti prodromici al processo il principio generale della traduzione in lingua italiana a mezzo di esperto” (Cass. Civ., 29.5.15, n. 11165).

Il principio è quello della nullità della procura per difetto di traduzione in lingua italiana, in specie e proprio dell’attività certificatoria del notaio – in sé – valendo la traduzione a consentire al Giudice italiano la verifica che detta attività sia stata svolta secondo i crismi del rito, ovvero che la persona sia comparsa personalmente e che abbia reso la firma una volta identificata dal pubblico ufficiale straniero avanti lo stesso.

Comments are closed.

Utilizzando il sito, consenti in ogni caso l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Non utilizza cookies di terze parti. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Continua" permetti il loro utilizzo.__________________________________________________________________________________________________________________________________ This site uses cookies to provide the best browsing experience possible. It does not use third party cookies. By continuing to use this website without changing your cookie settings or clicking "Continue" allow their use.

Chiudi - Close